Fondazione Antonio Ratti

Italy where

Villa Sucota è la sede della Fondazione Antonio Ratti, la quale ha subito diversi mutamenti e passaggi di proprietà dalla prima costruzione, tra il XIX e l’inizio del XX secolo.  All’inizio fu proprietà del medico di Napoleone: Metternich e ospitò l’abate Pietro Configliacchi, allievo di Alessandro Volta.
La struttura (di tipologia neoclassica, a cui furono aggiunti, in seguito, elementi di gusto ottocentesco) è composta da tre sale espositive poste al pian terreno, nelle quali sono collocate delle mostre temporanee e in più, al suo interno, vi è una prestigiosa biblioteca specializzata sul tema della seta e dei filati.
Inoltre vi è un suggestivo parco nel quale i visitatori possono individuare alcuni luoghi interessanti come il belvedere, la piccola cappella ancora consacrata vicino alla villa, il padiglione della musica, la serra e la limonaia.  Dal parco è anche possibile osservare il paesaggio del lago e alcune installazioni presenti grazie all’ attività del FAR che ospita mostre, residenze artistiche, visite guidate, laboratori e incontri, che hanno come obiettivo quello di legare i temi dell’ambiente con lo studio e la pratica del tessile e con la creatività.  Il numero di queste installazioni d’arte contemporanea temporanee e permanenti poste lungo i percorsi è destinato a crescere negli anni.

Apertura
Il parco della villa riapre al pubblico per la stagione 2019 a partire da domenica 31 marzo, per tutte le domeniche e i festivi e fino a inizi novembre, oltre a tutto il mese di agosto, con orario continuato dalle ore 10 alle ore 19. Ingresso libero.